Dei lavoratori, degli artisti e degli scienziati

Ci sono delle settimane che trascorrono in fretta, troppo velocemente rispetto al tempo impiegato per organizzarle. Accade così che ti trovi a ripensare dopo qualche giorno a quanto sia accaduto e a mettere ordine tra tutte le emozioni e pensieri nati e suggeriti dalle esperienze trascorse. È successo anche in questa occasione, occorsa lo scorso 8 febbraio a Padova dove proprio nella sede dell'Università patavina, i celeberrimo Bo, si è tenuta la solenne apertura del 796° anno accademico alla presenza del Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e delle più alte cariche dello Stato.​

Ed è stato in quella splendida cornice dell'Aula Magna che con Alessandra e Giovanna ci siamo trovati a lavorare. Da mesi la Fondazione Benetton Studi Ricerche e il progetto di musica antica erano stati invitati dal Magnifico Rettore dell'Università a contribuire a rendere ancor più solenne la cerimonia di apertura con un profilo musicale di alto profilo. La "presenza" dell'anno dedicato a Galileo Galilei, che a Padova fu docente di Fisica per diciotto anni, ci ha spinti ad una riflessione sulla vita di Galileo stesso legata agli affetti a lui più vicini: il padre Vincenzo, teorico fondamentale della musica e membro della famosa Camerata dei Bardi, e il fratello Michelangelo, liutista famoso in tutta Europa.​

​Affidare ai maestri catalani Jordi Savall e Xavier Diaz-Latorre la possibilità di dare voce al suono di un Galileo cresciuto nella percezione fisica ed emozionale del suono, si è rivelata una scelta unica. I mesi sono trascorsi tra confronti e desiderio di realizzare nel modo più opportuno una memoria di un Galilei che non fosse solo quella accademica. Il risultato è stato il silenzio carico di tensione ed emozione che si è creato alla prima arcata della viola da gamba, subito sostenuta dal basso di tiorba. Minuti intensi e ricchi di suggestione. L'unico rumore che percepivo era lo scorrere veloce della penna del Maestro Giancarlo Giannini, che, seduto accanto a me, appuntava in un taccuino non solo i titoli dei brani annunciati a voce da Savall, ma anche rapide note personali.

Pochi minuti prima era stata proprio la voce di Giannini a leggere le parole di Galileo tratte da una sua lettera, trascinando i presenti nella profondità del pensiero galileiano.

Al termine del tutto un silenzio sostenuto, rotto solo dallo scrosciare degli applausi.

​Nelle parole di Concetto Marchesi, scelte dal Magnifico Rettore quale formula ufficiale e solenne di apertura dell'Anno Accademico, il senso di quanto vissuto fino a quel momento, culmine di un lavoro continuo fatto di riflessioni e idee di persone che amano il loro lavoro: "Nel nome di quest'Italia dei lavoratori, degli artisti e degli scienziati inauguro ...". E per un istante mi balena nella mente che forse potremmo farcela a far sì che l'arte nel nostro Paese possa riprendere il posto che le hanno tolto e che da troppo tempo le negano.

#musicaantica #fondazionebenettonstudiricerche #almamusica433 #universitàdipadova #galileogalilei #palazzobopadova #musicaanticaincasacozzi #jordisavall #xavierdiazlatorre #giancarlogiannini

Post in evidenza
Posts Are Coming Soon
Stay tuned...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
No tags yet.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2012-2020 by almamusica433 www.almamusica433.com, Treviso, Italy, almamusica433@gmail.com